Stemma della Citt?di Cava De'Tirreni

News

1793 articoli presenti
[Puliamo il mondo 2018Puliamo il mondo 2018Appuntamento per tutti, alunni e cittadini, domani, sabato 13 ottobre alle ore 9.30, alla piazzetta di Croce. L'Amministrazione Servalli aderisce alla più grande iniziativa di volontariato ambientale, organizzata in Italia da Legambiente. I volontari del Circolo Legambiente di Cava de’ Tirreni, intratterranno gli alunni con giochi sulla raccolta differenziata e con piccole attività di pulizia in un’area circoscritta adiacente la Piazzetta di Croce. All'iniziativa collabora anche la Metellia Servizi, la municipalizzata dei servizi ambientali del Comune di Cava de' Tirreni.Ultimo aggiornamento : 12/10/2018leggi la notizia][ALLERTA METEOALLERTA METEO Con Avviso n. 039/2018 emesso dalla S.O.R. U. della Regione Campania alle ore 11,50 di oggi 14/08/2018 con livello di allerta criticità codice (arancione) per previste condizioni meteorologiche avverse che prevedono fenomeni meteorologici avversi dalle ore 21:00 di oggi e salvo ulteriori valutazioni fino alle ore 21:00 di domani mercoledì 15 agosto 2018.Ultimo aggiornamento : 14/08/2018leggi la notizia][VIETATO CONFERIRE IL SECCO DAL 10 AL 13 LUGLIOVIETATO CONFERIRE IL SECCO DAL 10 AL 13 LUGLIOStamattina, martedì 10 luglio, si è sviluppato un incendio presso l’impianto consortile pubblico TMB (Impianto di Trattamento Meccanico Biologico dei Rifiuti Urbani) di Battipaglia gestito dalla soc. provinciale Ecoambiente spa, dove il Comune di Cava de’ Tirreni conferisce i rifiuti della frazione secco indifferenziato. In attesa del ripristino delle condizioni normali di esercizio dell’impianto, il Sindaco Vincenzo Servalli, con Ordinanza n. 261 del 10.07.2018 ha emesso il divieto per tutti i cittadini e le utenze domestiche e non domestiche del territorio comunale, di conferimento del rifiuto secco indifferenziato a far data da oggi, martedì 10 luglio 2018 e fino a venerdì 13 luglio 2018 compreso. “Stiamo attraversando un inizio di estate drammatico per la gestione dei conferimenti – afferma il Sindaco Vincenzo Servalli – e stiamo passando da una emergenza ad un'altra. Oggi si è conclusa quella causata dall’incendio dell’impianto di San Vitaliano, in provincia di Napoli, per il multi materiale e ci ritroviamo di nuovo con l’impossibilità di conferire il secco a Battipaglia. Mi auguro che le criticità relative agli impianti della nostra regione vengano al più presto risolte, altrimenti ogni sforzo dei Comuni per ottimizzare al massimo la raccolta non venga vanificato dal dover continuamente cercare impianti per lo smaltimento anche fuori regione con un notevole aggravio di costi”. Ultimo aggiornamento : 10/07/2018leggi la notizia][STATI GENERALI DEL VOLONTARIATO PER LA PREVENZIONE INCENDISTATI GENERALI DEL VOLONTARIATO PER LA PREVENZIONE INCENDISi è tenuto, stamattina, 9 luglio, A Palazzo di Città, il tavolo tecnico sulla prevenzione incendi, coordinato dall’Assessore all’ambiente, Nunzio Senatore ed al quale ha partecipato anche il Sindaco Vincenzo Servalli, oltre ai Consiglieri comunali capigruppo, Marco Galdi, Vincenzo Lamberti, Marisa Biroccino e i responsabili della Protezione Civile cavese. Dopo ampia ed articolata discussione sulle strategie che l’Amministrazione ha deciso di adottare per la prevenzione degli incendi boschivi, è stato stabilito di convocare per mercoledì 18 luglio 2018, alle ore 18,30, presso la Sala del Consiglio, l’assemblea generale delle Associazioni di volontariato e dei cittadini che sono attivi nel settore ambiente, nella prevenzione e spegnimento degli incendi, per realizzare un Centro di Coordinamento, diretto dalla Protezione Civile, attraverso il quale mettere in pratica le attività e le iniziative, soprattutto per la prevenzione incendi boschivi, con campi di avvistamento, controllo del territorio e anche con l’utilizzo del drone di ultima generazione di cui si è dotata la Protezione Civile cavese per la video sorveglianza. “I volontari sono una grande risorsa per la nostra città – afferma l’Assessore Nunzio Senatore - e la scorsa estate hanno dato un contributo importate durate i terribili giorni degli incendi sulle nostre colline. Ma proprio questa grande partecipazione deve essere maggiormente organizzata e coordinata per non disperdere forze e lavoro. Aspettiamo tutti a questo importante appuntamento e sono certo che, per il grande amore per la nostra città, saremo tutti uniti per fronteggiare queste e anche altre calamità se ce ne fosse bisogno”. Ultimo aggiornamento : 09/07/2018leggi la notizia][IL SINDACO SERVALLI SULL’AREA COFIMA E CITTADELLA SANITARIAIL SINDACO SERVALLI SULL’AREA COFIMA E CITTADELLA SANITARIA“L’acquisto della Cofima, è stata una delle peggiori pagine della storia politica ed amministrativa di Cava de’ Tirreni – afferma il Sindaco Vincenzo Servalli - A distanza di quasi 8 anni dal suo acquisto, costato alla città un mutuo di circa 4,6 milioni di euro, con un rateo di circa 300 mila euro all’anno, il Comune si ritrova pagare per un’area inutilizzabile. La nostra amministrazione si è quindi trovata a gestire un colossale spreco perpetrato sulla progettualità di un nuovo ospedale, impossibile da realizzare per le ben note condizioni della sanità campana e nazionale. Dal primo giorno abbiamo lottato ed ottenuto dalla Regione, grazie all’impegno mantenuto dal Presidente De Luca, che il nostro ospedale fosse finalmente riconosciuto con un atto aziendale e 91 posti letto assegnati, capovolgendo il decreto 49 del 2000 che ne aveva decretato la chiusura con zero posti letto. Tanto premesso, il nostro obiettivo è il recupero dello spreco di questi anni, attraverso la vendita dell’immobile, quando le condizioni lo renderanno possibile. Nelle more è assolutamente apprezzabile l’iniziativa del centro sinistra, in linea con il nostro programma amministrativo, per la realizzazione di una cittadella sanitaria. Precondizione, affinché il progetto sia concretamente realizzabile, è la istituzione di un tavolo di lavoro con l’Asl, finalizzato alla riorganizzazione di tutti i servizi territoriali e a dare alla nostra città risposte ai bisogni di prevenzione e cura dei mostri concittadini, a partire dalla Casa del Parto, per la quale stiamo già lavorando”. Ultimo aggiornamento : 05/07/2018leggi la notizia][SELEZIONE ESPERTI CAESAR IISELEZIONE ESPERTI CAESAR II Entra nel vivo la realizzazione del Progetto Caesar II, finanziato per l’intero importo di 700 mila euro, dall’Agenzia per la Coesione Territoriale, che fa capo alla Presidenza della Repubblica e che vede il Comune di Cava de’ Tirreni, capofila con l’Università Federico II di Napoli, la Regione Campania, la Regione Sicilia e il Comune di Grumento per interventi volti al trasferimento, all'evoluzione e alla diffusione di buone pratiche attraverso Open Community PA 2020. Nello specifico, con D.D. n. 1479 del 4/7/2018 è stato approvato il bando per la selezione di 5 esperti per il supporto al RUP nella fase di attuazione del progetto CAESAR II - ControllAre, mitigare e gestire l’Emergenza Sismica: Analisi costi-benefici e multi-criterio di scenari di impatto per la Riduzione del Rischio e l’incremento della Resilienza” finanziato a valere sulle risorse del PON Governance e Capacità Istituzionale 2014/2020 Asse 3 – Ob. sp. 3.1. Data la complessità e la specificità di alcune azioni, la realizzazione del progetto prevede il ricorso a personale esterno altamente qualificato che, oltre a garantire la piena attuazione dell’intervento, fornirà al personale interno coinvolto la formazione necessaria per la gestione l’aggiornamento degli applicativi anche a conclusione del progetto. L’avviso prevede la selezione di 5 esperti così suddivisi: • n. 1 risorsa per il supporto strategico al coordinamento, in possesso di laura magistrale in ingegneria ed architettura e con oltre 10 anni di esperienza nel settore dell’insegnamento, della ricerca orientata al trasferimento e innovazione, nonché nella valutazione di scenari di impatto multi-rischio con particolare riguardo al rischio sismico; • n. 1 risorsa per il supporto specialistico per il trasferimento alle competenze tra pubbliche amministrazioni, in possesso di laurea magistrale in ingegneria o architettura con oltre 7 anni di esperienza nel settore del trasferimento delle competenze tra pubbliche amministrazioni nell’ambito di interventi comunitari ad erogazione diretta della UE o per il tramite di organismi nazionali o sovranazionali; • n. 3 risorse per il supporto tecnico – raccolta dati sul territorio ed immissione in apposita GIS web application relativamente alla individuazione di caratteristiche tipologico-strutturali degli edifici esposti a rischi sismico ed idrogeologico, in possesso di laurea magistrale in ingegneria o architettura con almeno 5 anni di esperienza nel settore della progettazione architettonica e strutturale nell’ambito delle strutture civili. I candidati potranno trasmettere la propria candidatura fino alle ore 13 del prossimo 20 luglio 2018, esclusivamente tramite posta elettronica certificata e utilizzando i format pubblicati sul sito istituzionale del Comune, www.cittadicava.it Ultimo aggiornamento : 05/07/2018leggi la notizia][RIPARTE LA LINEA 62RIPARTE LA LINEA 62Superate le difficoltà tra Bus Italia e la Provincia di Salerno che avevano indotto alla sospensione, tra le altre, anche della linea extraurbana Cava de’ Tirreni Vietri sul mare, il servizio riprenderà da lunedì prossimo. II Sindaco Vincenzo Servalli, ringrazia il Presidente Giuseppe Canfora e il Consigliere provinciale, Paolo Imparato per aver tenuto conto delle sollecitazioni che erano partite anche dall’Amministrazione Servalli, affinché si risolvessero le criticità alla base della sospensione del servizio proprio durante la stagione estiva quando gran parte dei cavesi raggiunge gli stabilimenti balneari della località marina. Ultimo aggiornamento : 05/07/2018leggi la notizia][SOTTOSCRITTO IL PATTO PER LA SICUREZZASOTTOSCRITTO IL PATTO PER LA SICUREZZAE’ stato sottoscritto dal Prefetto Salvatore Malfi e dal Sindaco Vincenzo Servalli il “Patto per l’attuazione della sicurezza urbana”. Obiettivo del “Patto”, in attuazione del decreto legge del 20 febbraio 2017 n.14, convertito con modificazioni dalla legge 18 aprile 2017, n.48 recante "Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città", è la prevenzione e il contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa, attraverso servizi e interventi di prossimità, anche attraverso l'installazione di sistemi di videosorveglianza. La sottoscrizione del “Patto” è propedeutica alla richiesta di finanziamento licenziata dalla Giunta con delibera 173 del 27 giugno 2018, del progetto preliminare per il rafforzamento delle azioni di prevenzione e di contrasto alle forme di illegalità presenti nel territorio, mediante sistemi avanzati di videosorveglianza, per monitorare le principali piazze delle frazioni, il borgo, per fenomeni legati alla movida, i punti sensibili quali scuole, edifici pubblici, parchi e giardini, nonché i punti di accesso alla città, per un importo di 1.168.628,39. Il finanziamento del progetto è a valere sui "Fondi di riserva e speciali" dello stato di previsione del Ministero dell'Economia e delle Finanze, che autorizza una spesa complessiva di 37 milioni di euro per il triennio 2017-2019 con fondi nazionali, per la realizzazione di sistemi di videosorveglianza da parte dei Comuni. L'accesso al finanziamento è subordinato alla sottoscrizione di uno specifico patto per la sicurezza, che individui come obiettivo prioritario l'installazione di sistemi di videosorveglianza in determinate aree, finalizzato specificamente alle, predette, azioni di prevenzione e di contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria. “Sulla sicurezza del nostro territorio e dei cittadini – afferma il Sindaco Vincenzo Servalli – abbiamo messo in campo azioni finora mai realizzate, per quelle che sono ovviamente le competenze dell’Amministrazione comunale. Ad iniziare dall’implementazione dell’attuale rete di videosorveglianza, alla sottoscrizione del “Patto” con la Prefettura, al progetto di oltre 1milione di euro per mettere ancor di più sotto stretta osservazione il nostro territorio con strumenti all’avanguardia per la prevenzione, ma anche per le indagini da parte delle Forze dell’Ordine”. “ E’ già operativa la cabina di regia presso la Prefettura – aggiunge l’Assessore alla Polizia Locale e Sicurezza urbana, Giovanni Del Vecchio – cui partecipano i rappresentanti delle Forze dell’Ordine e della Polizia Locale. In questi mesi abbiamo istaurato e promosso anche ottimi rapporti di collaborazione con tutte le Forze per l’ordine pubblico, abbiamo fornito la nostra rete di telecamere anche al Commissariato e a breve sarà operativa anche presso i Carabinieri, avviato un nuovo concorso per reclutare 14 nuovi vigile urbani”. Ultimo aggiornamento : 29/06/2018leggi la notizia][DOMENICA LA GRANDE DISFIDA DEI TROMBONIERIDOMENICA LA GRANDE DISFIDA DEI TROMBONIERITutto pronto per la “Disfida dei Trombonieri dei Quattro Distretti – La Pergamena Bianca”, la più grande manifestazione del folklore di Cava de’ Tirreni e tra le più importanti d’Italia, che si svolgerà domenica prossima, 1 luglio, allo stadio Simonetta Lamberti. In scena 160 musici, 72 portavessilli, 64 chiarine, 150 sbandieratori, 14 cavalieri e serventi, 320 archibugieri in campo per la gara di sparo e per il Trofeo Città Fedelissima, suddivisi in 8 casali. Oltre 1000 i figuranti, tutti in costumi d’epoca rinascimentali, per il Grande Corteo Storico. Sabato 30 giugno, con inizio alle ore 18.30, Grande Corteo Storico, con partenza da piazza Amabile; nella centralissima piazza Vittorio Emanuele III, (piazza duomo),alla fine della Santa Messa nella Concattedrale, con i Trombonieri schierati in piazza, si procederà al sorteggio dell’ordine di sparo della Disfida, il corteo poi proseguirà per via Biblioteca Avallone e risalirà per il centro storico; Domenica 1 luglio, la “Disfida dei Trombonieri” allo stadio Simonetta Lamberti, per l’assegnazione del Palio della Vittoria e della Pergamena Bianca al Casale che avrà eseguito la migliore batteria di sparo del pistone. Intanto, stasera, lunedì 25 giugno, martedì 26 e mercoledì,27 giugno, a Piazza San Francesco, con inizio alle ore 20, la sfida per la migliore coreografia tra i casali dei Trombonieri, per contendersi il “Trofeo Città Fedelissima”. La “Disfida dei Trombonieri dei Quattro Distretti – La Pergamena Bianca”, arrivata alla 44ª edizione, è un evento unico al mondo, per la gara di sparo del pistone, antica arma ad avancarica che ancora oggi è patrimonio non solo dei “trombonieri”, ma dell’intera Città di Cava de’ Tirreni, che ogni anno rievocano i fatti d’arme che portarono alla donazione della Pergamena in Bianco al popolo cavoto il 4 settembre 1460 (importante documento storico ancora conservato presso il Palazzo di Città) e dei successivi privilegi del 22 settembre 1460, da parte di Re Ferrante I d’Aragona, a testimonianza della fedeltà della Città di Cava alla Corona Aragonese durante lo scontro con gli angioini. Privilegi che fecero della Città de La Cava non solo una città mai assoggettata a principi e baroni, ma alle dirette dipendenze della Corona e la resero tra le più ricche e fiorenti del Regno per essere esentata dal pagare le gabelle nel commercio in tutto il Regno delle due Sicilie. Ultimo aggiornamento : 25/06/2018leggi la notizia][STRADA DI SANT'ANNA E PALESTRA PITTONISTRADA DI SANT'ANNA E PALESTRA PITTONISopralluogo, stamattina del Sindaco Vincenzo Servalli, al cantiere dei lavori di ripristino e messa in sicurezza del tratto di strada provinciale di via Di Domenico alla località Sant'Anna. Completate le opere idrauliche del canale e di messa in sicurezza della carreggiata si sta procedendo al rifacimento della sede stradale. In località Casa Gagliardi, alla frazione di Sant'Arcangelo, è praticamente alle battute finali, la realizzazione della nuova palestra intitolata al carabiniere Marco Pittoni, finanziata con i fondi del bando “IO GIOCO LEgALE” nell’ambito del PON Sicurezza del Ministero dell’Interno, aggiudicata per un importo di 293.698,30 oltre iva. "La palestra è stata realizzata dove prima c'era il campo containers - spiega l'assessore ai lavori pubblici, Nunzio Senatore - dopo la completa bonifica dell'area dai restanti prefabbricati potremo consegnare questa nuova struttura alla città". Ultimo aggiornamento : 22/06/2018leggi la notizia][LA GRANDE DISFIDA DEI TROMBONIERILA GRANDE DISFIDA DEI TROMBONIERIPresentati, stamattina giovedì 21 giugno, a Palazzo di Città, nella Sala del Consiglio, dal Sindaco Vincenzo Servalli e dal Presidente dell’Atsc (Associazione Trombonieri, Sbandieratori e Cavalieri) gli eventi dell’edizione 2018 della “Disfida dei Trombonieri dei Quattro Distretti – La Pergamena Bianca”, la più grande manifestazione del folklore di Cava de’ Tirreni e tra le più importanti d’Italia. In scena 160 musici, 72 portavessilli, 64 chiarine, 150 sbandieratori, 14 cavalieri e serventi, 320 archibugieri in campo per la gara di sparo e per il Trofeo Città Fedelissima, suddivisi in 8 casali. Oltre 1000 i figuranti, tutti in costumi d’epoca rinascimentali, per il Grande Corteo Storico. Questi gli appuntamenti: lunedì, martedì, mercoledì, 25/26/27 giugno, a Piazza San Francesco, con inizio alle ore 20, la sfida per la migliore coreografia tra i casali dei Trombonieri, per contendersi il “Trofeo Città Fedelissima”; sabato 30 giugno, con inizio alle ore 18.30, Grande Corteo Storico, con partenza da piazza Amabile, in piazza Vittorio Emanuele III, (piazza duomo) dove si celebrerà la Santa Messa nella Concattedrale, alla fine si procederà al sorteggio dell’ordine di sparo della Disfida, il corteo poi proseguirà per via Biblioteca Avallone e risalirà per il centro storico; domenica 1 luglio, la “Disfida dei Trombonieri” allo stadio Simonetta Lamberti, per l’assegnazione del Palio della Vittoria al Casale che avrà eseguito la migliore batteria di sparo del pistone. Quest’anno, capienza ridotta a circa 3700 posti per lo stadio comunale. Disponibili ad accogliere spettatori le tribune e parte delle curve nord e sud. Tutto il resto dello stadio è purtroppo interdetto perché le ispezioni alle gradinate hanno evidenziato gravi carenze strutturali e la necessità di messa in sicurezza. “Sarà una grande Disfida – afferma il sindaco Servalli – come sempre perché è uno spettacolo unico. Purtroppo, quest’anno, dobbiamo far fronte agli inderogabili lavori per problemi strutturali del campo. Da quando è stato costruito non c’è mai stata una manutenzione straordinaria e quindi i posti utilizzabili sono notevolmente minori rispetto agli altri anni e ci sarà un controllo accurato perché non sarà possibile superare il limite di presenze. Ma ci sarà la diretta televisiva su Quarta Rete”. L’Amministrazione Servalli ha messo in campo circa 1,5 milioni di euro tra fondi comunali e finanziamento per le opere necessarie ad ospitare le gare delle Universiadi 2019. “Siamo pronti per la 44ª edizione – afferma il Presidente Bisogno – che sarà come sempre e nonostante le difficoltà del campo, un grande spettacolo ed un appuntamento con la storia e con il folklore tra i più belli d’Italia, unico al mondo per lo sparo dei pistoni. Ai componenti ed ai sostenitori dei casali raccomando di contenersi nell’andare allo stadio, così come ai cittadini, per evitare una inutile calca, invito tutti, invece, ad affollare la città per il grandioso corteo e piazza San Francesco per il trofeo. Buona Disfida a tutti”. Ultimo aggiornamento : 21/06/2018leggi la notizia][ATTENZIONE: NELL’UMIDO SOLO UMIDOATTENZIONE: NELL’UMIDO SOLO UMIDOSi registrano sempre più frequentemente elevate quantità di “impurità” tra i conferimenti di umido effettuati dai cittadini. In particolare, le piattaforme che ricevono tali rifiuti contestano la presenza, all’interno dei contenitori della frazione organica umida, di sacchi non conformi e quindi non biodegradabili e compostabili, come prevede il regolamento, oltre alla ulteriormente grave presenza di imballaggi in plastica, metallo e vetro che assolutamente non devono essere presenti tra i rifiuti organici. Ciò comporta che tali rifiuti “inquinati” non vengono accettati dalle piattaforme autorizzate allo smaltimento per la produzione di compost e, purtroppo, sono destinati alla discarica, con un enorme aggravio delle spese che dovrà essere ripartito sui cittadini attraverso la bolletta della TARI. Il rifiuto umido o frazione organica del rifiuto solido urbano (FORSU), è costituito esclusivamente da scarti alimentari e di cucina e altri rifiuti di natura animale o vegetale, non dagli sfalci di potatura. Queste le tre piccole regole da seguire per evitare un aumento dei costi: 1. UTILIZZIAMO SOLO SACCHETTI BIODEGRADABILI E COMPOSTABILI 2. DIFFERENZIAMO L’UMIDO SEPARANDOLO DAGLI IMBALLAGGI IN PLASTICA, METALLO E VETRO 3. CONFERIAMO SFALCI DI POTATURA E RAMAGLIE PRESSO IL CENTRO DI RACCOLTA “Faccio appello ai cittadini cavesi – afferma l’Assessore all’Ambiente, Nunzio Senatore – di essere molto attenti a come effettuano la differenziazione dei rifiuti, soprattutto dell’umido. Sono gesti che potrebbero sembrare di poco conto ma che invece comportano conseguenze molto gravi, come quella di vanificare tutto il lavoro di raccolta effettuato dagli operatori della Metellia e causare un aumento dei costi che potrebbero essere facilmente evitati. La raccolta differenziata, così come la città tenuta pulita dipendono per la maggior parte da noi stessi, da noi cittadini. Impariamo a comportarci come facciamo a casa nostra, la gran parte lo fa, ma quella piccola quantità di persone incivili purtroppo causa un danno di immagine ed economico enorme. Facciamo attenzione, risparmieremo e avremo una città più pulita e più bella” Ultimo aggiornamento : 20/06/2018leggi la notizia][ENCOMIO AL DOTTORE MALAMISURAENCOMIO AL DOTTORE MALAMISURA Questa mattina, martedì 19 giugno, il Sindaco Vincenzo Servalli, ha conferito un encomio al Dottore Basilio Malamisura, come gesto di gratitudine, apprezzamento e riconoscenza per i diciotto anni di lavoro svolti finora presso il reparto di Pediatria dell’ospedale S. Maria Incoronata dell’Olmo. Sono migliaia i bambini che in questi anni sono passati per un reparto considerato di eccellenza anche per le patologie legate alla celiachia. Il dott. Malamisura, accompagnato dalla consorte e dal figlio, ha ricordato la grande umanità e professionalità dell’intera equipe del reparto che concorre ogni giorno a dare risposte non solo alle famiglie ed ai bambini del territorio ma anche ai tanti che arrivano da altre città. Ultimo aggiornamento : 19/06/2018leggi la notizia][IL RESOCONTO DELLA FESTA DI MONTE CASTELLOIL RESOCONTO DELLA FESTA DI MONTE CASTELLOSi è conclusa con un bilancio positivo oltre ogni aspettativa, la 362ª edizione della Festa di Monte Castello, Festeggiamenti in onore del Santissimo Sacramento. Annunciato anche che l’Ente Monte Castello si trasformerà in onlus e si aprirà a tutti coloro che vorranno contribuire a portare avanti i valori fondanti di fede e tradizione del sodalizio. A tracciare il resoconto sono stati il Sindaco Vincenzo Servalli ed il presidente dell’Ente Monte Castello, Mario Sparano, pienamente soddisfatti per la partecipazione di tutte le associazioni, sodalizi, congreghe, dei cittadini, agli appuntamenti in programma nella settimana appena trascorsa, per il gran numero di visitatori che hanno riempito tutti i parcheggi cittadini e, in certi momenti, creando anche forti rallentamenti agli accessi stradali nord e sud della città, con riflessi più che positivi per le attività commerciali, locali ed esercizi pubblici e, infine, anche per la qualità dello spettacolo pirotecnico per il quale c’è stato un particolare impegno dell’Amministrazione Servalli. “E’ stata una bellissima festa – afferma il Sindaco Servalli – basta dire che sabato scorso non si trovava più posto per le auto e nei locali cittadini. Sono molto soddisfatto per la grandissima partecipazione al Corpus Domini ed alla storica processione dall’Annunziata al castello per la benedizione della città. Abbiamo sempre considerato questi festeggiamenti come l’autentico tratto identitario della nostra comunità, dove si ritrova il vero spirito cavese, raccolto intorno alla fede, alla storia, ad una tradizione che si perpetua da 362 anni. Oltre a ringraziare tutti, a partire dal presidente Sparano, un ringraziamento particolare lo rivolgo al prefetto Malfi che, nel pieno rispetto delle leggi, ha reso possibile, sulla base di una progettualità mai messa in campo prima, poter realizzare un bellissimo spettacolo pirotecnico, rispettando tutte le prescrizioni che ci sono state assegnate, così come non avveniva dal 2001”. “Ringrazio il Sindaco Servalli e l’Amministrazione comunale – afferma il presidente Sparano – per il determinante supporto non solo in termini economici, ma anche nell’organizzazione per la riuscita dei festeggiamenti. Particolarmente per l’impegno profuso nel riportare ai fasti di un tempo lo spettacolo pirotecnico, dopo quanto accaduto lo scorso anno e da oltre un decennio, grazie ad una progettualità che ha ricevuto il plauso anche dagli organi competenti. Abbiamo deciso, inoltre di trasformate l’ente in onlus e chiedere la partecipazione attiva di quanti sentono forte lo spirito della cavesità, che si identifica con la forte fede verso il Sacramento e i valori della festa, per iniziare a lavorare alla 363ª edizione”. Ultimo aggiornamento : 18/06/2018leggi la notizia][LA FESTA DI MONTE CASTELLO: LE ORIGINI, LA STORIA E LA FEDELA FESTA DI MONTE CASTELLO: LE ORIGINI, LA STORIA E LA FEDEGrande interesse e partecipazione al seminario: “La Festa di Monte Castello tra identità e religione. Una riflessione storica”, che si è tenuto il 14 maggio presso la Sala del Consiglio di Palazzo di Città. Un momento di riflessione voluto dal Sindaco Vincenzo Servalli, sulla scia dell’iniziativa presa nel 2007 allor quando si organizzò la conferenza “Processo alla Pergamena bianca. Dibattito sulla Battaglia di Sarno (1460). I fatti, le tradizioni”, con la quale si intese fare chiarezza sull’equivoco del presunto intervento armato dei 500 cavesi nella battaglia in questione, dimostrando che furono altre le vicende – queste sì autentiche ed altrettanto eroiche – che portarono il sovrano aragonese ad elargire importanti privilegi alla Città di Cava. Il secondo momento di approfondimento storico su un tradizionale evento di fede che caratterizza da secoli la comunità cavese è stato sulla “La Festa di Monte Castello, alla presenza del Sindaco Vincenzo Servalli, di S.E. Mons. Orazio Soricelli Arcivescovo di Cava-Amalfi e di Mario Sparano, Presidente dell’Ente Montecastello. L’intento è stato quello di chiarire, per la prima volta, alcune vicende strettamente legate al dilagare del morbo della peste nel 1656 e al presunto Miracolo Eucaristico di cui si è accertato non esserci stata mai un’esplicita menzione o un ricordo nelle fonti scritte coeve o direttamente successive. Nella prima relazione Beatrice Sparano ha, tra l’altro, ricondotto al culto di S. Adiutore (sancito dal 1661) e alla consacrazione della cappella al castello avvenuta in concomitanza della festa del Corpus Domini il 15 giugno 1656, la cornice di fede entro la quale inquadrare la fase più delicata della diffusione del morbo a Cava, rispetto alla quale ricorre soprattutto l’appello alla protezione della Vergine Maria. A seguire, Gianluca Cicco ha proposto uno sguardo d’insieme sulla documentazione d’archivio dei secoli XVIII-XIX e sulle testimonianze degli storici del tempo e delle viaggiatrici straniere che hanno soggiornato in città tra Settecento e Ottocento. In particolar modo si è voluto osservare la mutazione della festa che, a partire dalla seconda metà dell’Ottocento durante i mandati sindacali di Giuseppe Trara Genoino e in virtù dell’operato del suo luogotenente Luigi Salsano, ha assunto i connotati di uno spettacolo di carattere militare con l’assedio e l’incendio del castello. Nella relazione di Cicco si è avuto anche modo di constatare che, soprattutto nell’Ottocento, i festeggiamenti hanno quasi sempre assunto la dicitura di “Festa di Castello”. Sul forte simbolismo del colle e del castello si è poi soffermato Giuseppe Foscari, terzo ed ultimo relatore, che ha ricordato le importanti funzioni militari che il maniero rivestiva ancora nel Seicento in difesa dalle scorrerie dei Turchi, per cui era comprensibile che lo stesso castello assumesse anche le conseguenti funzioni civile e religiosa. Foscari ha lungamente relazionato sulla peste del 1656 a Cava ma allargando l’osservazione anche ai centri viciniori, sottolineando aspetti di carattere sociologico, oltre che strettamente storico, sui fatti in questione, per poi concludere rimarcando i principali tratti identitari della città di Cava nella prima età moderna: l’impronta religiosa, il laicismo mercantile, l’imprenditorialità, lo spirito guerriero, il peso del patriziato. “Con il Processo la Pergamena prima e la riflessione sulla Festa di Monte Castello – afferma il Sindaco Servalli – abbiamo voluto, attraverso gli studi, i documenti disponibili, dare una traccia storica certa dei due maggiori eventi che la città celebra annualmente. Per poter eliminare falsi miti e quella confusione generata negli anni che ha fatto perdere di vista la verità che ci consegna la storia da tramandare alle future generazioni. La festa di Monte Castello, oltre ad ogni altra considerazione, rappresenta, una grandissima testimonianza di fede dei cavesi che ininterrottamente viene professata da 361 anni.” Ultimo aggiornamento : 16/06/2018leggi la notizia][IL RESOCONTO DELLA FESTA DI MONTE CASTELLOIL RESOCONTO DELLA FESTA DI MONTE CASTELLOSi è conclusa con un bilancio positivo oltre ogni aspettativa, la 362ª edizione della Festa di Monte Castello, Festeggiamenti in onore del Santissimo Sacramento. Annunciato anche che l’Ente Monte Castello si trasformerà in onlus e si aprirà a tutti coloro che vorranno contribuire a portare avanti i valori fondanti di fede e tradizione del sodalizio. A tracciare il resoconto sono stati il Sindaco Vincenzo Servalli ed il presidente dell’Ente Monte Castello, Mario Sparano, pienamente soddisfatti per la partecipazione di tutte le associazioni, sodalizi, congreghe, dei cittadini, agli appuntamenti in programma nella settimana appena trascorsa, per il gran numero di visitatori che hanno riempito tutti i parcheggi cittadini e, in certi momenti, creando anche forti rallentamenti agli accessi stradali nord e sud della città, con riflessi più che positivi per le attività commerciali, locali ed esercizi pubblici e, infine, anche per la qualità dello spettacolo pirotecnico per il quale c’è stato un particolare impegno dell’Amministrazione Servalli. “E’ stata una bellissima festa – afferma il Sindaco Servalli – basta dire che sabato scorso non si trovava più posto per le auto e nei locali cittadini. Sono molto soddisfatto per la grandissima partecipazione al Corpus Domini ed alla storica processione dall’Annunziata al castello per la benedizione della città. Abbiamo sempre considerato questi festeggiamenti come l’autentico tratto identitario della nostra comunità, dove si ritrova il vero spirito cavese, raccolto intorno alla fede, alla storia, ad una tradizione che si perpetua da 362 anni. Oltre a ringraziare tutti, a partire dal presidente Sparano, un ringraziamento particolare lo rivolgo al prefetto Malfi che, nel pieno rispetto delle leggi, ha reso possibile, sulla base di una progettualità mai messa in campo prima, poter realizzare un bellissimo spettacolo pirotecnico, rispettando tutte le prescrizioni che ci sono state assegnate, così come non avveniva dal 2001”. “Ringrazio il Sindaco Servalli e l’Amministrazione comunale – afferma il presidente Sparano – per il determinante supporto non solo in termini economici, ma anche nell’organizzazione per la riuscita dei festeggiamenti. Particolarmente per l’impegno profuso nel riportare ai fasti di un tempo lo spettacolo pirotecnico, dopo quanto accaduto lo scorso anno e da oltre un decennio, grazie ad una progettualità che ha ricevuto il plauso anche dagli organi competenti. Abbiamo deciso, inoltre di trasformate l’ente in onlus e chiedere la partecipazione attiva di quanti sentono forte lo spirito della cavesità, che si identifica con la forte fede verso il Sacramento e i valori della festa, per iniziare a lavorare alla 363ª edizione”. Ultimo aggiornamento : 12/06/2018leggi la notizia][LA REGIONE ESTINGUE L’ASILO PASTORE SALSANOLA REGIONE ESTINGUE L’ASILO PASTORE SALSANOLa Giunta regionale ha deliberato l’estinzione dell’Ipab “Asilo Pastore Salsano” ed ha attribuito al Comune di Cava de’ Tirreni, il patrimonio mobiliare e immobiliare dell’Ipab con vincolo di destinazione a scopi sociali. Si conclude, quindi, una annosa vicenda che si protraeva dal 1980, da quando l’attività dell’istituto era praticamente cessata. I questi anni si erano succedute diverse gestioni commissariali, fino all’attuale retta dall’avv. Antonio Russo, che ha prodotto gli atti necessari affinché si potesse addivenire alla completa cessazione. “Abbiamo finalmente portato a compimento una vicenda quarantennale – afferma il Sindaco Vincenzo Servalli – dopo che il Consiglio comunale si è pronunciato due volte per l’estinzione e il subentro nella titolarità dei beni. Possiamo adesso riprendere con speditezza le procedure per l’attivazione del Contratto di Quartiere e il finanziamento regionale di 10 milioni di euro per la realizzazione di opere importanti che ridisegneranno e risolveranno problemi annosi della frazione di Pregiato”. L’Asilo Pastore fu costituito con Regio decreto il 31 maggio 1888, per volontà delle sorelle Lucia e Concetta Pastore, che destinarono le proprie proprietà all’assistenza, la beneficenza e l’educazione gratuita dei bambini poveri di Cava de’ Tirreni. “Ringrazio il Presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca e l’assessore regionale Lucia Fortini – aggiunge il Sindaco Servalli – per questo atto importante a conferma della vicinanza ed interesse per le questioni riguardanti la nostra comunità”. Ultimo aggiornamento : 12/06/2018leggi la notizia][LA GIORNATA DI KAUNASLA GIORNATA DI KAUNASE’ stato sottoscritto, oggi pomeriggio, venerdì 8 giugno, il Patto di Amicizia tra Kaunas e Cava de’ Tirreni, per festeggiare i 10 anni di gemellaggio. Nella Sala dei Gemellaggi di Palazzo di Città, il Sindaco Vincenzo Servalli e Rasa Šnapštienė, vice sindaco Kaunas.nvece, hanno rinnovato un legame che lega le due città da dieci anni con l’auspicio che si rafforzi sempre di più nel solco dell’amicizia, degli scambi culturali e anche nell’ambito delle opportunità economiche e commerciali che potranno essere sviluppate. Stamattina, infatti, c’è stato il prologo alla firma del Patto di Amicizia, con la presentazione della pubblicazione “Discovery Italy in Kaunas", una guida in italiano che illustra le bellezze artistiche, culturali e paesaggistiche di Kaunas, che è stata città europea della cultura e le offerte turistiche della seconda città della Lituania, da qualche tempo facilmente raggiungibile con voli diretti dall'aeroporto di Napoli. Ad accogliere gli ospiti, il Sindaco Vincenzo Servalli, l’Assessore Nunzio Senatore, tra i promotori del gemellaggio, la consigliera delegata al turismo, Marisa Biroccino, il presidente del Comitato Gemellaggi, Nicola Pisapia, una delegazione degli Sbandieratori Cavensi, con il neo presidente Luca Senatore, Felice Sorrentino e Antonio Mannara che sono stati gli artefici dell’incontro, dieci anni fa, tra Cava de’ Tirreni e Kaunas. “Rinnovare i sentimenti di amicizia con Kaunas rappresenta il senso stesso della cultura e la civiltà dei cavesi – afferma il Sindaco Servalli – Siamo particolarmente felici che questo rapporto di sincera fratellanza non solo è stato rinnovato oggi, ma che si sviluppa e prosegue costantemente ogni anno con visite sia istituzionali, che tra cittadini delle nostre due comunità”. La delegazione di Kaunas era rappresentata dalla vicesindaco Rasa Šnapštienė, dal consigliere Mantas Jurgutis, dalla responsabile della divisione turismo, Inga Pažereckaitė-Kalėdienė, dalla responsabile dell’ufficio relazioni internazionali, Lina Lauciūtė e dalla vice direttrice dell’Amministrazione municipale, Nijolė Putrienė. “Il nostro sindaco Visvaldas Motijošaits ha inviato un messaggio di saluto al Sindaco Servalli – afferma la vice sindaco di Kaunas, Rasa Šnapštienė – per testimoniare il grande affetto che nel corso degli anni si è sempre di più consolidato. Per noi Cava de’ Tirreni rappresenta l’Italia e vogliamo ancor di più stringere rapporti di scambi culturali tra le nostre due bellissime città, oggi più facilmente raggiungibili e ringraziamo la città di Cava de’ Tirreni, l’Amministrazione comunale il Comitato gemellaggi per la splendida accoglienza” Ultimo aggiornamento : 08/06/2018leggi la notizia][PARTE IL PALAEVENTIPARTE IL PALAEVENTICon la pubblicazione del bando europeo sul sito istituzionale si avvia la gara per l’affidamento in concessione della progettazione definitiva ed esecutiva, il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, la realizzazione e la gestione dell’intervento di completamento del Pala Eventi, per un valore stimato della concessione 25ennale di gestione di 39.836.906,00 euro. Il termine per la presentazione delle offerte è fissato per il 23 luglio prossimo alle ore 12.00. L’Amministrazione comunale ha messo a disposizione del concessionario a cui .sarà affidata l’opera, un contributo di circa 3.2 milioni di euro con i Fondi Fesr PIU Europa Programma Jessica, a fronte di una spesa complessiva per la realizzazione e l’arredo stimata in circa 6 milioni di euro. Il perfezionamento di tale finanziamento comunale è subordinato all’approvazione del progetto definitivo redatto dal primo in graduatoria che dovrà essere coerente con i requisiti richiesti. L’opera è tra gli obbiettivi dell’Amministrazione Servalli è rappresenta un ulteriore risultato nel recupero delle “incompiute” che hanno caratterizzato le fallimentari politiche di sviluppo del territorio degli ultimi 30 anni. “Avevamo simbolicamente iniziato la campagna elettorale proprio nel mai realizzato palazzetto dello sport – afferma il Sindaco Vincenzo Servalli – e oggi pubblichiamo il bando per consegnare alla città un’opera che rappresenta non solo il recupero di un mostro abbandonato da decenni, ma una grande opportunità di sviluppo economico ed occupazionale. Per le dimensione della concessione abbiamo previsto un bando europeo per avere una platea di offerenti la più ampia e qualificata possibile. In questi tre anni di amministrazione abbiamo lavorato sodo per poter arrivare a questo risultato, per ottenere tutte le autorizzazioni, pareri e l’approvazione delle linee guida in Consiglio comunale”. La nuova opera sarà una moderna struttura polivalente che potrà ospitare manifestazioni sportive, spettacoli teatrali, musicali ed eventi di altro genere. “Oltre alla realizzazione del Pala Eventi – afferma l’Assessore ai lavori pubblici, Nunzio Senatore – abbiamo previsto anche la sistemazione di tutta l’area circostante oggi occupata dal dismesso campo container e quindi riqualificheremo tutta quella parte della frazione di Pregiato da troppi anni deturpata dal degrado”. Ultimo aggiornamento : 06/06/2018leggi la notizia][I.U.C. ISTRUZIONI per L'USOI.U.C. ISTRUZIONI per L'USOAnche quest’anno, per i tributi comunali sugli immobili - IMU e TASI - non sono state introdotte modifiche rispetto alla disciplina già vigente, cosicché restano in vigore tutte le norme emanate fino al 2016. Ultimo aggiornamento : 05/06/2018leggi la notizia]
Vai a pagina:
Pagine: « 1 2 » ...
[torna su]